ballata per de andrè

Bellusco

E domani, per chi è della zona, sarò a Bellusco con Ballata, i miei pennarelli e una chitarra, accompagnato da Michele Lissoni.

Ore 21:00 – Auditorium Biblioteca Comunale, Corte dei Frati.


(post) Cesena Comics

Primo esperimento di una festival del fumetto a Cesena, smistando tutti gli incontri fra librerie, bar, pub e fumetterie del centro storico (bellissima idea).
I nomi presenti erano tanti, e mi fa piacere essere stato fra gli invitati.

L’incontro al Nero su Bianco (a qualcuno questo nome sembrerà familiare, eh, Claudio?) è andato bene, con Dany Greggio alla parte musicale e un mio piccolo contributo, stavolta meno piccolo del solito dato che mi son messo a suonicchiare anche nei pezzi cantati dal bravissimo Dany, che in realtà è attore e cantautore e che per la serata ha rispolverato il suo bagaglio deandreiano.

Un enorme abbraccio all’Associazione Barbablù, e a chi organizzato o contribuito al tutto, in particolare a Elisa, Michela, Gianni, Denis (senza la quale non sarei neanche stato contattato), i vari Michele, una gentilissima coppia che è passata a trovarmi in libreria e soprattutto MAGIC VOICE, che mi ha regalato 15 secondi in diretta di Ciao Ciao Lulù.


Cesena Comics

Il tour di Ballata per Fabrizio De Andrè, a più di un anno dall’uscita, non si esaurisce (per fortuna mia e per sfortuna della mia pancia, che ingrossa).

Questo fine settimana sarò a Cesena Comics, una nuova fiera del fumetto che mi piace molto come idea e che andrò a vedere coi miei occhi.

Questi gli appuntamenti:
Sabato 14 novembre:
Ore 11:00, LIBRERIA BETTINI, Via Vescovado 5.
Ore 23:30, NERO SU BIANCO Corte Dandini 18.

Nonostante tutto, sarò lì già da domani.


Sarzana – Piazza De Andrè

Ho un po’ di post arretrati, ma praticamente sono accadute mille cose nel giro di pochissimi giorni.
Inizio quindi dal mio nuovo viaggio a Sarzana, sabato scorso.

Il motivo per cui sono stato richiamato in questa bellissima cittadina era particolarmente emozionante, ovvero l’inaugurazione di una piazza dedicata alla memoria di Fabrizio De Andrè, e anche se l’indomani ci sarebbe stata In The Rock e di lì a poco dovevo partire per Lucca non avrei mai rifiutato l’invito dell’ARCI UISP, che rigrazio ancora. Il buon Daniele Pignatelli (di Comic House) ha fatto da organizzatore, tramite, compagno di cene e quant’altro.

Giunto a Sarzana, ci siamo fiondati nella piazza in questione, dove ho potuto finalmente incontrare e parlucchiare tre minuti con Dori Ghezzi, altro fondamentale motivo che mi ha spinto al viaggio. Nonostante il giro di politici che la accerchiava, di gente che voleva un autografo e la fretta in generale, riusciva a concedere una parola a tutti, con calma e delicatezza.

Abbiamo parlato del libro, mi ha chiesto come andava, e cose del genere, il tutto in una specie di dimensione a parte, e ha fatto così un po’ con tutti, dimostrando una semplicità straziante. Insomma, mi ha dato una gran bella sensazione.

L’inaugurazione è stata molto formale, e il pomeriggio è andato avanti con una lunga sequenza di gruppi, artisti e attori che si alternava sul palco per rendere omaggio a Faber.

Io, nel frattempo, facevo qualche disegnetto su alcuni fogli enormi, più una tavola finale ad acrilici che ho, ovviamente, donato – e con piacere – ai fautori della giornata.

A cena, insieme a Valentina e altri due amici di Daniele (meravigliosamente nerd, con cui abbiamo intavolato lunghe discussioni su Star Trek), abbiamo mangiato in un posto strepitoso a La Spezia, e l’indomani ero già a casa, pronto per In The Rock…


Sabato SARZANA e Domenica IN THE ROCK

Domani avrò l’onore di tornare a Sarzana per l’inaugurazione di una piazza a nome di Fabrizio De Andrè.
Devo ringraziare Daniele Pignatelli di Comic House e l’ARCI di Sarzana per avermi invitato, non solo per poter assistere a questo evento, ma anche perchè potrò finalmente avvicinare Dori Ghezzi.
Insomma, sono un tantinello emozionato.

Domenica, invece, immediatamente dopo il mio ritorno, canto/presento alla terza edizione di In The Rock, evento che sta sempre più ingigantendosi, stavolta a tema anni 70, con ben 30 musicisti palermitani, e, come sempre, a INGRESSO LIBERO.

Insomma, non oso immaginare che tipo di straccio sarò domanica sera.


Piccole soddisfazioni

Può capitarmi di leggere una bella recensione di un mio fumetto, o di sentire belle parole.
La mia fortuna è di non essere un grande fumettista, di quelli importanti, così se qualcuno si preoccupa di scrivere qualcosa su di me generalmente lo farà sinceramente, senza obblighi redazionali.
Così, ho collezionato una serie di piccole recensioni che mi stanno molto a cuore, che mi hanno colpito e commosso.
Quando poi, e questo accade molto più raramente, vengo contattato solo per ricevere dei complimenti mi sembra sempre tutto molto strano.

Un episodio curioso è stato reincontrare un amico del liceo che mi ha detto di avere ricevuto per il suo compleanno Pioggia d’estate, albo in cui lui è anche presente, regalatogli da qualcuno che non aveva la minima idea nè che io fossi di Palermo nè che conoscessi il festeggiato.

Ma stasera trovo su Facebook questo messaggio:

Ciao Sergio!!!
Mi permetto di darti del tu anche se non ci conosciamo. In questi giorni mi hanno regalato il tuo "Ballata per Fabrizio De Andrè". Non sai quanto mi è piaciuto. Bello l’uso che fai della linea, evocativo il b/n. Ma geniale anche l’idea di far ricordare De Andrè dai personaggi delle sue canzoni. Ti contatto esclusivamente per questo, complimentarmi con te. Confesso che non ho mai pensato che il fumetto potesse essere considerato una forma d’arte. Lo vedevo come una forma d’intrattenimento, nient’altro. Grazie anche a te, sto cambiando, anzi, ho cambiato idea. Ed infatti sono corso (metaforicamente perchè l’ho ordinato su internet) a comprare il tuo "Pioggia d’estate": spero mi arrivi presto.
In bocca al lupo per i tuoi progetti

Non è la parte del "geniale" che mi lusinga, poco lo è il mio fumetto alla fine, ma quel che viene dopo, ovvero l’idea che anche solo per un giorno sono servito a convincere qualcuno che i fumetti possono essere "qualcosa di più". E che questo sia stato percepito attraverso qualcosa che ho fatto io… mi emoziona non poco.


http://backend.deviantart.com/embed/view.swf
Woman without Hat by ~FoOLyS on deviantART


Da lunedì Ballata su l'Unità

La Beccogiallo continua la pubblicazione a puntate di alcuni suoi libri a fumetti sulle pagine de l’Unità.

Da domenica, o lunedì (non ho ben capito), con due tavole al giorno toccherà anche a me, con Ballata per Fabrizio De Andrè.

A un anno dalla realizzazione di questo fumetto, non so più cosa pensare.

Ho messo a dura prova ultimamente la mia attività di "scrittore", mettendola in dubbio e non accontentandomi facilmente.

Pioggia d’estate è un libro facile in cui credere, è stato uno sfogo ed era completamente sotto il mio controllo. Ballata ha la scusa di esser stato scritto e disegnato in meno di tre mesi, ma in realtà non è un grosso alibi; da una parte sono felice di aver colto le sensazioni di un periodo, dall’altra so di averlo riletto una sola volta prima della consegna e mi pento di non aver pensato in tempo a questo o quello.

Di contro, di Pioggia ho parlato raramente in giro, se non di riflesso, mentre per Ballata sono praticamente stato in giro di continuo tutto l’anno (e dopo l’estate si ricomincia), e quindi magari il mio attuale stato è dovuto proprio al tanto discuterne.

Non è che non mi piaccia, è proprio quello che dicevo all’inizio: non so più cosa pensare.

Forse, e dico forse, dipende dal fatto che sto riflettendo di più sulla scrittura, o forse no.

In ogni caso, ne vado sempre particolarmente fiero, per le emozioni che mi ha permesso di esprimere e che mi ha dato durante e dopo la realizzazione.