ballata per de andrè

SuperDisinformato e Ballata per De Andrè RIEDIZIONE

Ieri ho rivisto un amico che mi ha ulteriormente fatto rendere conto quanto sia stato fuori dal mondo tutto l’anno scorso, e direi anche parte del 2010.
E’ una sensazione che ho provato spesso negli ultimi tempi, e che, a dire la verità, anziché farmi sentire a disagio, quasi quasi trovo rassicurante, perché è esattamente quel che volevo fare.
Ci sono sfumature nel mondo del fumetto italiano che credo siano assolutamente superflue, nonostante gli si voglia dare importanza, e c’è un sacco di gente che vive da sempre senza far caso a queste cose, vivendo normalmente.
Il fumetto italiano non è solo un nugolo di rapporti e di polemiche sul web: ci si può benissimo fare i fatti propri e continuare per la propria strada.

Detto questo, per scopi puramente personali, segnalo l’uscita della RIEDIZIONE di Ballata per Fabrizio De Andrè. Sottolineo riedizione in quanto non semplice ristampa, dato che ho acquarellato tutte le tavole, reimpostato la gabbia delle stesse (prima i bordi delle vignette erano tremolanti, adesso regolari), aggiustato un po’ di erroretti, e, ovviamente, disegnato una nuova copertina. Sono molto fiero del risultato. Questo libro è andato davvero bene, dovrei vantarmene un sacco e camminare sentendomi un fighissimo, ma non funziona così, altrimenti un disegnatore qualsiasi di Tex potrebbe mettermela immediatamente nel di dietro. Anzi dovrebbe. Solo che un disegnatore di Tex si fa i suoi bei fattacci a casa e continua semplicemente a lavorare.

Ballata per Fabrizio De Andrè


Puglia e De Andrè

Si torna in Puglia, grazie ad Annamaria Toma e il Presidio del Libro di una regione veramente stupenda.

Ecco le tappe:

Domenica 13 giugno, Brindisi: Lunatica – Fiera del Fantasy, Palazzo Guerrieri

Lunedì 14 giugno, Fasano: scuole

Martedì 15 giugno, Botrugno: PUB L’INSONNE, ore 21.30, via caduti di monte serra n.10

Mercoledì 16 giugno, Aradeo: Cioccolibreria STARDUST, ore 20, Via Cavour, 1


Faber 70 e Presentazione a Sutera

Settimana all’insegna del ricordo di Fabrizio De Andrè, ricordo per celebrare, e non per commemorare. 
Ma ne ho già parlato. Ecco quindi qualche foto dalla serata all’Agricantus e, a seguire, qualche foto della presentazione di sabato a Sutera.





Ed eccomi a Sutera:




Faber 70

Domani Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto 70 anni.

L’anno scorso, si sa, era il decennale della sua scomparsa, ma, chiaccherando con la mia amica Francesca, già lettrice e consulente del mio libro a fumetti sul cantautore genovese, si rifletteva da tempo che sarebbe più carino ogni tanto "celebrare" e non "commemorare". 

Nasce così l’idea di fare un evento per quello che sarebbe stato un compleanno "importante", e magari fare una serata non troppo "tipica".

Ci sarà musica, con tanti musicisti che hanno aderito all’evento con passione, ci saranno alcune proiezioni, ci sarà un simpatico dibattito e ci saranno delle performance di pittura, parallele al concerto.

Inoltre, NON sentirete La Canzone di Marinella, La Guerra di Piero o Il Pescatore, è stata una mia imposizione, perché De Andrè non ha fatto solo quelle, e perché De Andrè era una persona carica di una forte ironia, e ci ha lasciato canzoni che coprono almeno 3 o 4 registri atmosferici, non solo uno, come viene spesso equivocato.

Faber 70
Giovedì 18 febbraio, ore 21:30
CCP Agricantus
Via Niccolò Garzilli, 89
Ingresso 5€ (3€ ridotto)


Dati e Appuntamenti

Domani si parte per il festival di Angouleme.

A parte che sono stanco, con la schiena a pezzi, nervoso, irascibile e insopportabile per un trasloco lampo di cui un giorno, forse, vi racconterò. In ogni caso sto cambiando casa in 3 giorni.

Sarò presente allo stand della Soleil a questi orari, per fare Dédicaces sul libro di Epictete.

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;

Vendredi 29 Janvier
 
13h-17h : Dédicaces

À 18h, un cocktail sera servi sur le stand

Samedi 30 Janvier

15h-20h : Dédicaces

À 19h, un cocktail sera servi sur le stand

Dimanche 31 Janvier

15h-19h : Dédicaces

Qualche notizia buona poi ce l’ho:

Di Epictete abbiamo esaurito già la prima tiratura, 3000 copie. Siamo in ristampa.

Di Ballata per Fabrizio De Andrè ne abbiamo venduti in libreria 3300 e rotti.

Posso considerarmi veramente soddisfatto di questi risultati… di Pioggia sto ancora attendendo…

Ci vediamo al ritorno.


Palermo – Bologna

Non ero mai stato a Bologna. Ho sempre avuto una certa curiosità, ma col mio lavoro se non ho una scusa professionale praticamente non mi muovo.

Bologna mi ha lasciato una piacevolissima impressione, anzi, in realtà ne sono invidioso, quindi mi sa che la odio.

Qui a Palermo l’ambiente fumettistico va alla grande, siamo un bel gruppo di autori, eventi, scuola…

Ma Bologna… Bologna, in quel senso, è sempre stata una specie di Mito insieme a Milano, più di Roma. A Bologna c’è la Alessandro Distribuzioni, c’era la Panini, ma ancor prima la Star Comics in epoca Marvel, i Kappa Boys… Milano è una figata, la Disney, la Bonelli… però ha quel che di caotico che mi fa sentire perennemente un turista. Bologna invece è così, nature, una città grande ma non troppo caotica, completa ed equilibrata, almeno questa è la mia impressione di sole 48 ore.

E per il mio lavoro sarebbe davvero perfetta… vicino a tutti, non incasinata ma con grandi possibilità dietro l’angolo…

La prima sera ero al Vag61, un centro sociale pubblico e autogestito, per questa bella serata dedicata a De Andrè con uno dei più bei concerti che abbia visto in questo anno e mezzo che ho vissuto da girovago seguendone diversi, con un’atmosfera gioiosa e travolgente. Anche in questo caso, la differenza coi centri sociali palermitana è evidente, ma bisogna dire (e me ne sono reso conto dopo) che Bologna ha una certa storia al riguardo, e si sente parecchio.

I ragazzi che mi hanno ospitato sono stati tutti gentilissimi, a partire da Luca, che si è occupato del mio viaggio, a finire con Martina, che mi ha ospitato per quella notte.

Ieri ho invece tagliato la città in lungo e per largo, con le mie solite camminate estreme da turista (le cui conseguenze le percepisco solo adesso), e ho rivisto una cara persona che non vedevo dai tempi del liceo, con cui ho passeggiato un po’ in giro.

Infine, la sera, ospite stavolta da Andrea Accardi, siamo andati a cena fuori, ho conosciuto Marco Ficarra e, fra gli altri, ho potuto finalmente passare del tempo "extra fieristico" con Max Brighel, mentre nella seconda parte della serata mi hanno raggiunto Nino e Giulio, con cui abbiamo buttato già le radici di un ulteriore progetto che fiorirà nel mio cervello col puro scopo di farmi impazzire del tutto.

E mi hanno fatto mangiare la lingua.


Oggi sono a Bologna

Il tour di Ballata per De Andrè non si ferma.

Oggi sono a Bologna, al Vag61, dalle ore 18, in via Paolo Fabbri 110, per una giornata dedicata alla memoria del maestro scomparso che quest’anno avrebbe compiuto 70 anni.

70 anni che ricorderemo a Palermo il 17 febbraio in una serata a cui tengo particolarmente.