80

The Blues Brothers

Non vale per tutti, ma sicuramente l’idea di avere alcuni film in cui si è nerdissimi vale per molte delle persone che conosco.
Attualmente, il termine Nerd è abusato un po’ come Graphic Novel, però me ne frego e lo uso lo stesso.
Due sono i film di cui sono nerdissimo sin dalla più tenera età: Ghostbusters e Blues Brothers, tutti e due accomunati da un attore -Dan Aykroyd- che, chiaramente, ho considerato il mio attore preferito per molti anni.

Coi Blues Brothers ho un rapporto molto stretto e profondo, e può essere espresso abbastanza facilmente con una vignetta di Pioggia D’Estate:

Anche a rivederlo oggi, provo sempre una forte emozione per quella sequenza, e, successivamente, per quella del concerto finale.

Di mio, non amo vedere film a testa bassa, devo sempre avere gli occhi rivolti verso la tv, fisso. Gli unici film a cui concedo il privilegio della “non-concentrazione” sono quelli che conosco a memoria, che se anche perdo una sequenza in realtà la rivivo pienamente anche con le sole parole.

Questi film, fondamentalmente, sono Ritorno al Futuro, Ghostbusters, Blues Brothers, Jesus Christ Superstar e i Goonies. I Blues Brothers più di tutti. Rivisti fino alla settimana scorsa mentre disegnavo.

Così, l’idea di vederli per l’ennesima volta, ma al cinema, era particolarmente eccitante, l’esperienza finale che mi mancava per un film che ha attraversato tutte le fasi nella mia vita, dalla musicassetta alla videocassetta registrata su RaiUno (di notte) per arrivare al DVD, con in mezzo due o tre In the Rock in cui mi sono divertito a cantare alcune di quelle canzoni.

Oyea!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Blog e Commodore

Mi sembra doveroso spendere due parole su Jack Tramiel, il fondatore della Commodore e, quindi, diretto colpevole dell’estetica di questo Blog e di tutta una serie di mie fissazioni. A nome di una generazione: GRAZIE.


Pioggia d'estate alla FELTRINELLI

Domani sarò alla Feltrinelli di Palermo a presentare il mio albo, in compagnia di Maurizio Clausi, di tanti giocattoli (exogini in testa) e del bel pacchetto di proiezioni che mi segue a ruota (vecchie pubblicità, sigle di trasmissione televisive, di cartoni e di telefim).

Insomma, ci divertiremo! A domani!!!


25 anni…e non sentirli

Oggi cadono i 25 anni dall’inizio della serializzazione di Hokuto no Ken in patria.

Auguri.


Il Limbo dei film Dimenticati – Complete Season

Intro: ho raccolto i vari post sul Limbo dei film Dimenticati, aggiornandolo un po’. Inoltre, siete liberi di suggerire titoli mancanti che rispettino il requisito di "film che facevano spessissimo e che adesso non fanno più".

Ci sono film che replicavano continuamente in televisione, sulle reti nazionali ma anche (e soprattutto) di rimpallo nelle varie reti private, donandogli così l’aspetto di veri e propri immortali, e che adesso sono improvvisamente spariti da qualsiasi palinstesto.
Ora, per ridar loro l’onore smarrito, eccomi pronto a parlarne.

Voglia di Vincere

Come dimenticare il buon vecchio Michael J. Fox lupo mannaro? In effetti il film a rivederlo è bruttino, ma una volta al mese, ed in prima serata, era facile rivederlo. Adesso quasi non ce n’è più traccia.

La Donna Esplosiva

Due deficienti col reggiseno in testa, un primitivo effetto 3d utilizzato per ingrandire a dismisura le tette della loro donna ideale ed una donna meravigliosa. Cosa volere di più? Adesso relegato alla fascia mattutina, ogni tanto si rivede, ma non certo come prima…

Una pazza giornata di vacanza

Completamente sparito dalla faccia della terra. Difficile anche da scaricare (in italiano), ai miei tempi un cult assoluto. E sempre Matthew Broderick in…

Wargames – Giochi di guerra

(contributo di Sabina)


Corto Circuito

Mille e mille volte al giorno. Puff. Esiste anche un seguito, ma era il primo che andava per la maggiore.

Non guardarmi non ti sento

Anche questo inspiegabilmente disperso fra gli archivi Mediaset. All’epoca un successo televisivo clamoroso, ascolti record, repliche continue. Il seguito, Non dirmelo non ci credo, non ha avuto la stessa fortuna.

Il segreto del mio successo

Questo ogni tanto lo fanno, ma sempre la mattina, o in orari stupidi. E mica è male.

Cocoon

Di certo non più trasmesso come prima, anche se di recente una passata in prima serata gli è capitata.

Tutto quella Notte

Citazione ultranerd iniziale ai fumetti Marvel. Puf.

Dick Tracy

Perchè non farlo più??? Me lo spiegate???

Rocketeer

Passato pochissimo già ai tempi. Bello e disperso.

Tutto può accadere

Guardate solo quale tristezza di immagine ho trovato su google. Questa la dice lunga sul credito attuale che ha questo film.

Week-end con il morto


Ne avevo davvero piene le palle. Non lo rimpiango.

Nudo e Crudo

S P A R I T O ! ! !
Un mito della mia infanzia.

Ho sposato un’aliena

Cariino! Lo replicavano spessissimo. Adesso Puf.

Ma guarda un pò ‘sti Americani

Del ciclo dei Griswold era quello più programmato (anche se il viaggio a Walley Word non scherzava), specie fra le reti private. Peccato.

E adesso metto insieme i protagonisti dei due film sopracitati in un altro capolavoro disperso:

Spie come noi

Poi…

I Tre Amigos

Regia di John Landis, rivisto recentemente (mica in tv), alcune cose sono davvero geniali, per il resto è un pò lentuccio. Ma il cespuglio canterino…

Big

accoppiato necessariamente a

Da Grande

Veri e propri must per i bambini dell’epoca. Adesso sostituiti dai vari Piccola Peste o Matilda sei mitica.

Navigator

Anche questo. Puf.
(contributo di Faureiana)

Yuppies

Dico solo:
oh
mio
Dio.
(contributo di Davide)

Cocktail

Un Tom Cruise alla prime armi. Lo odiavo tantissimo.
(contributo di Davide)

Salto nel Buio

Grandissimo film. Non sparito del tutto, ma come Dundee è calato nettamente di frequenza.

La Signora in Rosso

In epoca del già citato Non guardarmi non ti Sento era un must assoluto.

Splash, una Sirena a Manhattan


Tom Hanks giovanissimo. Ci sarebbe anche da ricordare Turner e il Casinaro, ma questo è più esplicativo.

Top Secret

Uno dei film più divertenti della storia del cinema, ad opera dei mitici Zucker, Abrahams & Zucker.
Per colpa di (o grazie a) questo film non ho mai preso sul serio Val Kilmer. Mai.
Come dimenticare il balletto? Il telefono gigante? La battaglia sottomarina?

Il mio nome è Remo Williams


Sulla scia del successo di Karate Kid, un film allucinante.
Come anche…

Guerriero Americano

…che a me da piccolo piaceva anche tanto (anche il 2 ed il 3)…scusatemi…

La storia Fantastica

Film bello e divertente, a me piaceva particolarmente…

(contributo di Sabina)

Ragazzi Fuori

Seguito di Mery per sempre, adesso sembra quasi il fratello sfigato messo in un angolo. Perchè???

Getta la mamma dal treno

L’avevo dimenticato pure io…
(contributo di Fabio)

All’inseguimento della Pietra Verde

Sempre, sempre!!!
(contributo di Fabio)

Piramide di Paura

Un capolavoro…


Ken il Guerriero

Intravidi la prima volta Ken su Odeon Tv mentre andavo in quarta o quinta elementare, praticamente 19 anni fa, ma i miei non mi permettevano di guardarlo (come Rocky Joe), così dovetti aspettare le scuole medie per rifarmi.

All’epoca lo trasmettevano invece a Video 3, mitico canale che mi ha fatto scoprire e rivedere diversi anime, ed era ogni giorno (domenica compresa) alle 19:00.

Alle 18:30 c’era invece Maison Ikkoku, che ho scoperto proprio nei 5 minuti di attesa prima di Ken.

Dopo, in epoca di liceo, lo fecero almeno due volte per intero su Italia 7.

Ken è un’opera mitica per la mia generazione, una storia colossale ed epica come poche, piena di stronzate sì, ma tutto si perdona quando c’è dietro un pathos e un’energia senza limiti.

Ieri è uscito il film di Ken al cinema, che in realtà è solo un tassello di un’operazione ammirevole di ripescaggio del personaggio con una serie di OAV e di film (dopo questo altri due), dunque anzitutto non aspettatevi un film riassunto della serie televisiva, ma solo una parte della saga (nello specifico, quella di Sauzer).

Anzi, a dirla tutta, questo film non sarebbe neanche un film su Ken ma su Raoul.

Il film nel complesso è medio, è stata più l’emozione di vederlo sul grande schermo (pochi eletti, dato che lo hanno distribuito neanche per una sala a regione); tecnicamente altalenante, alterna primi piani dettagliatissimi e molto curati a piani medi e campi lunghi di livello televisivo (o peggio), racconta una parte della storia molto coinvolgente, quella che racchiude anche Shu, e il duello fra Ken e Sauzer non è affatto male, ma interseca una sottotrama banale e inutile fra Raoul e un personaggio femminile creato ad hoc, interessante perchè fa riferimenti alla terra dei Demoni, ma sviluppata cercando di inserire elementi umani al carattere di Raoul che invece non dovrebbe avere, non in questo modo.

Poi, purtroppo i disegni in alcune sequenze erano così pessimi che con Pietro non potevamo trattenerci dalle risate, ma è stata una visione gradevole e certamente mi sono emozionato in diversi punti per via della situazione, però ripeto, dal punto di vista pratico il film è quel che è, non tiene neanche lontanamente il confronto col vecchio lungometraggio, che era fra l’altro davvero a sè stante.

Però, nella speranza facciano gli altri due, andatevelo a vedere, Ken è sempre Ken.

E ora beccatevi la sigla italiana che non si fa mai sdegnare:


A bocca aperta

Al mondo c’è gente che non si può non amare.
Generalmente chi avrebbe combinato qualcosa del genere sarebbe stata additata, senza esitazioni, come pazza furiosa.
Siccome in questo caso c’è dietro la mente di un artista, Guillaume Reymond, l’umanità è pronta ad accettare le performance che vedrete come sofisticati esperimenti artistici.
A me poco mi frega se sia artistico o no, perchè li avrei amati ugualmente alla follia.
Appassionati di videogiochi, guardate e stupitevi!