Archivio per dicembre, 2013

2013

Anno strano, anno ricco, anno pieno, anno bello, anno distruttivo, anno triste, anno allegro.

Il 2013 è stato, dunque, a conti fatti, un buon anno. Buono in senso assoluto? No. E allora buono in che senso? Nel senso che mi sono dato da fare, che ho fatto il possibile per cambiare certe cose di me e della mia vita, magari non riuscendoci sempre bene, ma ci ho provato degnamente.

Solo guardando dal punto di vista professionale, tante, troppe le cose fatte: è uscito il libro nuovo, e sono stato un po’ in giro a parlarne, son tornato ad Angouleme e a Lucca, la squadra di Etna Comics è sempre più solida e ho anche co-organizzato l’Etna Comics OFF, ho molte cose nuove da fare, ho insegnato tanto, ho dedicato molto tempo a Magicovento, ho suonato il giusto e ne sto comunque dimenticando parecchie altre.

Mi sono anche rotto il piede, rimanendo fermo quasi sei mesi, ho avuto problemi alle orecchie, ho bucato tre ruote e cambiato tre gommisti, ma sono anche stato ben due volte a Torino da mio fratello, reduce proprio ieri da quasi una settimana con la famiglia al completo.

Alcune amicizie sono sparite, altre affievolite, altre rinnovate, altre rimaste costanti, altre cresciute, sta a voi che leggete capire in che eventuale categoria potete considerarvi.

Non vado ancora più nell’intimo che mi vergogno.

Ed eccomi al solito confronto coi propositi che mi ero dato quest’anno, prima di lanciare quelli nuovi:

– Promuovere bene Dieci Giorni da Beatle

Ci ho provato, ma si deve continuare.

– Scrivere e iniziare il Libro Nuovo (sì, ce n’è già un altro…)

Mi riferivo ad altro, ma vado comunque avanti su altre strade.

– Dimagrire 8-10 chili

Giuro che l’ho fatto. Solo che poi, per motivi vari, li ho ripreso tutti, e con gli interessi.

– Andare a Lucca Comics

Fatto.

– Trovare un ingaggio incredibile

Che cavolo intendevo? Comunque un paio di belle cose ci sono.

– Uscire con un EP di inediti (o magari 3 o 4 Video)

Patate. Però ho fatto un cortometraggio e una nuova canzone di fine anno collettiva, eccola:

 

– Tagliare i rami secchi, sono diventato davvero rincoglionito, dimentico le cose, troppe cose da fare, troppe cose per la testa.

Non ce l’ho fatta.

Bene.

Ecco i propositi per il 2014:

– Tagliare i rami secchi, sono diventato davvero rincoglionito, dimentico le cose, troppe cose da fare, troppe cose per la testa. Ma stavolta sul serio. Sono stanco. Ho bisogno di una pausa.

– Tornare a fare qualche serata in acustico, e pare sia già sulla buona strada.

– Dimagrire.

– Tornare al mio progetto inedito.

– Disegnare di più.

Buon 2014.

Annunci