Sveglia Fastidiosa

Squilla il telefono.

“Sono Mr. X”

Mr X è un personaggio discutibile che si occupa di informazione online, gestendo un sito col calendario cittadino degli eventi, concerti, incontri, mostre e affini. Mi aveva approcciato molto tempo fa, per propormi una collaborazione artistica che risultava essere un paio di disegni per il sito in questione. Già quando ci incontrammo piangeva miseria, facendomi abbassare il preventivo mentale che mi ero fatto, ma in fondo sono una persona buona e comprensiva, e il paio di disegni erano abbastanza facili e veloci, così ci accordiamo per 120 euro.

Le prime 70 giungono alla consegna. Le altre 50 diventano una chimera: Mr. X sparisce, non risponde al telefono, e solo per email ogni tanto si prodiga in scuse degne di un melodramma napoletano, basando tutto sui problemi del momento e cose del genere. Dopo qualche mese, parlando con gli amici di un Eliografia, si viene a scoprire che deve dei soldi anche a loro, più importanti dei miei, fra l’altro, e ci si chiede come rintracciarlo. Loro lo trovano, e dopo un buon inseguimento riescono ad ottenere il saldo sperato. Io no.

Un giorno, durante la presentazione di un libro non mio, alla Feltrinelli, eccolo spuntare fra il pubblico, pallido nel vedermi. Giuro che se fosse scappato avrei riso così tanto che non avrei neanche più voluto le 50 euro. Invece, sempre più pallido, mi saluta e, non avendo scampo, sgancia l’agognata carta rosa, anche lì prodigandosi in scuse di varia provenienza.

Torniamo ad oggi.

“Sono Mr. X”

“Mh, bene, ciao, come va?”

“Bene. Volevo proporti una collaborazione per un’idea di giornale che vorrei realizzare, mi servirebbe una vignetta…”

“Sì, ma vorrei chiarire un paio di cose. Anzitutto, la scorsa volta c’è stato qualche problema per concludere il tutto”

“Lo so, ma mi pare che abbiamo risolto, no? Ti ho dato le 50 euro, giusto?”

“Sì, ma il problema non è stato esattamente quello…”

“Hai ragione, ma come ti dicevo c’erano diversi problemi, e ci sono ancora…”

“Ok, ma, scusa, se tu hai una perdita nel lavandino e chiami l’idraulico che gli dici? Che vi risentite più avanti perché hai dei problemi?”

“Eh… hai ragione, e infatti per adesso neanche l’idraulico… ma parliamo un attimo di questa vignetta, perché come vedi ho pensato a te per primo, è una cosa comunque semplice…”

“Di che si tratta?”

“Dovrebbe essere una vignetta politica”

“E dovrei scriverla?”

“No, niente scritte, una cosa semplice, veloce”

“Intendo… dovrei idearla io o la scrive qualcun altro?”

“L’idea è quella di fare Ferrandelli e Orlando con una pistola in mano pronti a un duello, una cosa semplice, veloce…”

“Sì, ma semplice e veloce, comunque anche se è una vignetta, vedi che è un lavorone lo stesso…”

“Lavorone? Ma io dico una cosa veloce, schizzata”

“Guarda, se c’è di mezzo anche Ferrandelli presumo sia una cosa da fare adesso, no?”

“Sì, in settimana”

“E allora mi spiace, sono pieno di lavoro e non ce la farei”

“Peccato, sarebbe per un settimanale, una cosa fissa a settimana, ho chiamato subito te nonostante i trascorsi… non è che sapresti consigliarmi qualcuno?”

“No… che fa qualcosa di questo tipo no, perché comunque anche se a te sembra un disegnetto per fare vignette ci vuole una certa bravura”

“Ma come, io intendo solo una vignetta semplice”

“Vabbè, mi spiace, ci sentiamo”

“Ok, io ci ho provato, ciao”

“Ciao”

Chiaramente, se fossi stato meno buono avrei subito suggerito il nome di qualcuno che mi sta antipatico.

Annunci

Searching for a Comment...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...