Al Buio

Un lavoro che mi ha molto divertito ultimamente è stato quello di realizzare delle illustrazioni per il nuovo spettacolo di Ernesto Maria Ponte, che esordirà oggi all’Agricantus.
Senza svelare troppo, dico solo che la parte che mi vede come collaboratore riguarda la pazzesca storia d’amore fra un cece e una patata. Come finirà?

Ernesto Maria Ponte Al buio. Un monologo

dall’ 8 gennaio al 14 febbraio 2010
tutti i venerdì sabato e domenica alle ore 21.30

di Salvo Rinaudo ed Ernesto Maria Ponte ; musiche originali di Tony Greco (chitarra)

Provate a immaginare la reazione di un uomo dei nostri tempi, corredato di telefonino e ipode, cullato in ogni istante da madre matrigna tecnologia, nel momento in cui dovesse andar via luce…

È quello che ha fatto Ernesto Maria Ponte in questo suo nuovo monologo, mettendo un individuo qualsiasi dinnanzi allo spettro dell’assenza di elettricità, inquietante e demoniaca metafora del consumismo che ci abbandona, delle certezze tecnologiche che vacillano, del mito tecnocratico che svanisce.

Da qui, con la solita forza espressiva, la irresistibile mimica facciale, una sorta di “addio ai monti” rivolto, con lacerante sarcasmo, agli accessori di ogni tipo, concepiti per semplificare la vita di tutti i giorni, ma oramai sempre più condizionanti i gesti quotidiani, da asservire l’uomo al loro uso, e non viceversa. In una schiavitù fatta di nevrosi e atti automatici.

Ne viene fuori, in tal modo, un’analisi impietosa e divertente degli atteggiamenti e delle abitudini di una società con al piede la palla della tecnologia, una radiografia plurilinguistica delle ansie, delle fobie, che stanno alla base del nostro farneticare quotidiano.

Per riscoprire, alla fine, in una sorta di delirio antimoderno, la genuinità delle cose vere, i sentimenti non condizionati dalle malie di una tastiera di computer o di telefonino, nuove e terribili sirene pronte ad avvincere l’Ulisse di turno.

Solo alla fine del monologo, la risposta all’inquietante interrogativo: sarebbe meglio rimanere a sguazzare nel liquido amniotico del consumismo e della più sfrenata tecnologia, oppure starsene al buio, protetti dall’oscurità più fitta, al riparo dalla deriva tecnologica sempre più travolgente?

Annunci

Una Risposta

  1. anonimo

    Mi incuriosisce molto il nuovo spettacolo di Ernesto Maria Ponte. Conoscendo la sua mimica penso proprio che sarà molto divertente. Anche il tema trattato mi sembra molto attuale.

    gennaio 9, 2010 alle 9:13 am

Searching for a Comment...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...