Gli errori di Lost – edizione italiana

Si fa la voce grossa sulla pirateria, su quanto danneggi l’economia dell’universo e via dicendo, e poi, puntualmente, ogni qual volta spendo soldi in un cofanetto di Lost (anche se il 5, in edizione extralusso, me lo hanno regalato) mi ritrovo sommerso da grossolani errori di traduzione.

I sottotitoli fanno abbastanza cagare, niente a che vedere con quelli (GRATIS) fatti da gente appassionata che li traduce ogni settimana. Basti pensare che nel cofanetto della prima stagione, non ricordo in che puntata, viene nominata Sun e nei sottotitoli è stata tradotta come "Sole", o che negli speciali della quarta serie Desmond sbaglia e chiama Sayid "Naveen", ovvero col nome dell’attore che lo interpreta… solo che nei sottotitoli viene inteso che Naveen sia una donna, traducendo la frase al femminile.

Poi c’è l’errore storico, ovvero uno speciale, riproposto praticamente in tutti i cofanetti, dal titolo "The Lost Flashback", che vorrebbe essere un gioco di parole per farci vedere alcuni flashback tagliati fuori dagli episodi definitivi, per l’appunto "persi". La sezione è stata, ovviamente, tradotta impunemente come "I Flashback di Lost".
Certo…

Per fare un altro esempio, sempre nella quarta serie (se non si è capito sto recuperando gli speciali di questa serie proprio i questi giorni), nella sezione delle scene tagliata ce n’è una chiamata "Il giornale di Lost"; incuriosito, clicco sul pulsante "ok" e la sequenza inizia con Daniel Faraday che non riesce a trovare il suo diario, quello pieno di appunti sul tempo, sullo spazio e via dicendo. Chiaramente, il titolo originale era The Lost Journal.

Complimenti.

Quel che mi fa rabbia è che la gente che compila questi cofanetti, di cui non gli frega un beneamato pene, avrà il suo cospicuo stipendio fisso (grazie ai fessi come me che si ostinano a comprare la roba originale delle cose che gli piacciono), mentre gruppi di lavoro assolutamente volontario, come quelli di Subsfactory o di SubsAddicted, che non tardano mai di un giorno cascasse il cielo, e che si sforzano di capire il significato di quello che stanno traducendo (chiamasi "adattamento", ed è alla base dell’essere un buon traduttore, anzi, è alla base dell’essere un traduttore e basta) non guadagnano una mazza, anzi, si sacrificano per una causa che viene poi demonizzata, in quanto legata ai download online.

Annunci

6 Risposte

  1. Windia

    Potrei mettermi a fare un pippone sulla traduzione ufficiale di Totoro e su come per me sia orriBBile, ma è meglio se taccio… anche qui spesso i sottotitoli trovati in Internet erano migliori.

    dicembre 9, 2009 alle 9:24 am

  2. anonimo

    Potrei andare avanti per mesi, su questo argomento. Solo due esempi al volo:
    – seconda stagione di Buffy, al posto di un episodio c’è uno spezzone di Tora Tora su quasi tutti i cofanetti (i fan hanno ancora gli incubi benchè siano passati anni)
    – Dvd italiano del Doctor Who. Gli episodi invece di essere in 16:9, ovvero come da trasmissione originale della BBC, sono in 4:3, ovvero come da trasmissione Jimmy italiano. Scene tagliate, personaggi che spariscono sui lati dello schermo… che bello, e parlo solo di un paio di anni fa, mica 20 o 30…
    I sottotitoli poi, completamente sbagliati, sia quelli italiani.. che quelli inglesi!!!!
    Roba da mettersi le mani nei capelli.
    … e via così, la lista sarebbe lunga…
    ^^;
    Sinceramente non mi faccio nessuno scrupolo a vedermeli *in diretta* con l’America o l’Inghilterra certe serie tv…
    Cla -polla-

    dicembre 9, 2009 alle 9:52 am

  3. anonimo

    Queste sono le classiche cose che mi fanno incazzare come una bestia!!
    Ma assumere qualcuno che controlli no?
    Come anche le traduzioni di qualche manga, o mi viene in mente anche quando si ristampa qualcosa per collezionismo e non si sistemano gli errori della prima edizione… che palle!!

    dicembre 10, 2009 alle 12:19 am

  4. anonimo

    Ehm… non mi son firmata @.@

    Seila/Elo :3

    dicembre 10, 2009 alle 12:19 am

  5. anonimo

    Uhm, nell’ambito delle traduzioni videoludiche, vogliamo parlare di quelle fatte dall’inglese all’italiano per la saga di Silent Hill?

    dicembre 11, 2009 alle 6:20 pm

  6. foolys

     aaa, nei videogiochi ce ne sono di bellissime…

    dicembre 11, 2009 alle 9:34 pm

Searching for a Comment...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...