Le Orme

Ieri sera, insieme a Francesca, ho visto il concerto delle Orme al Metropolitan.

Una grande esperienza, in tre tirano fuori un suono pazzesco, con un Aldo Tagliapietra che si barcamena fra voce, basso e chitarra, un Michele Bon alle tastiere di tutti i tipi (sostituto dello storico Tony Pagliuca, che però merita davvero il posto che si è conquistato), e un Michi Dei Rossi che a quasi 60 anni (l’anno prossimo) ha l’energia di un ventenne alla batteria (in realtà anche di più, una bestia…).

Insomma, il prog italiano negli ultimi anni sta avendo una specie di ricambio generazionale, quello che le case discografiche gli hanno negato, cancellandone quasi totalmente le tracce, mentre invece negli ultimi 10 anni alcuni gruppi scomparsi hanno ripreso a suonare con classe e maestria un genere che in Italia ebbe un grande momento di creatività musicale.

Altro che Dream Theater…

Annunci

Una Risposta

  1. anonimo

    Li ho conosciuti grazie a Giuseppe che conosce a memoria molte loro canzoni. Sono STUPENDI.
    vorrei tanto che ogni tanto passassero anche in radio…

    ket

    dicembre 1, 2008 alle 7:42 pm

Searching for a Comment...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...