Sono un rocker e perciò mi drogo

Inizialmente può essere molto difficile trovare coerenza in tutto quello che ascolto, o meglio, è luogo comune lasciare intendere che la coerenza sia qualcosa di distinguibile solo in base ad un’unica linea, ergo, se ascolto rock posso ascoltare una serie di generi affini, ma se ascolto i Metallica sarà difficile sopportare Francesco De Gregori, se amo i Genesis non potrei ascoltare le Distillers e così via…
Di buono c’è che vado d’accordo più o meno con tutti, adoro parlare di musica e ho sempre qualche passione da condividere, ma nello stesso tempo mi si chiede spesso come faccia ad ascoltare un determinato cantante se ascolto il determinato gruppo in comune, e a quel punto mi sento esattamente come quando parlo di Corto Maltese e un secondo dopo mi si chiede dopo come faccia a leggere Nana.
In ogni caso.
Ascolto i generi un pò a cicli, mi piace lasciarmi andare al momento, così ho numerosissime passioni che anzichè essere perennemente sul mio ciclo di riproduzione ci ritornano su dopo mesi, a volte dopo anni.
L’ho sempre considerata una riscoperta affascinante, ricordare quanto ami un determinato gruppo o un determinato album, perchè riascoltarlo dopo tempo non solo mi fa raffiorare il sentimento, ma lo consolida ulteriormente, lasciandomi scoprire cose nuove che solo così riesco a recepire.
Questa tecnica oggi, per la prima volta, mi si è ritorta contro.
In questi ultimi giorni avevo iniziato a riascoltare con grande foga Permission to Land, il primo album dei Darkness, album divorato come pochi album negli ultimi anni, lo adoravo e lo adoro ancora di più adesso.
Purtroppo il secondo album della band mi aveva lasciato un pò l’amaro in bocca, non è che sia così malvagio, ma confrontato al primo non c’è davvero storia.
Però.
Di una band si dice sempre che il terzo album sia quello più importante, quello che ti fa capire se la band in questione si è consolidata, se è maturata, se ha mantenuto le promesse iniziali; così me ne sono sempre fregato del fatto che il secondo dei Darkness era un pò peggio, il terzo mi avrebbe rivelato le loro vere intenzioni, e ho sempre atteso con ansia questo fatidico terzo album, non parliamone poi in questi giorni, in cui ho sentito davvero la mancanza di Justin e soci, che non vedo ormai in giro da un pò.
Così, ho preso in mano Wikipedia e ho appreso che Justin era un cocainomane, che il malsuccesso del secondo album lo ha depresso, che si è drogato ancora di più, che ha mollato la band per una eventuale carriera solista, che la band ha deciso di far diventare il nuovo cantante quello che già era il nuovo bassista (e che quindi dovrebbero trovare un ulteriore nuovo bassista), che la band forse non si chiamerà più The Darkness, che Justin potrebbe anche non tornare più alla musica.
E mi sono intristito un bordello.
Davvero non so cosa pensare, non so se essere terribilmente incazzato per questo solito atteggiamento di merda da rocker duro che se non si droga sembra quasi non essere un vero rocker, o se provare compassione e augurarmi che questo bastardo non sprechi la sua incredibile voce.
Nel frattempo, mi ascolto e riascolto Love is only a feeling, che non è propriamente il mio pezzo preferito, ma che ha un assolo finale che personalmente trovo fantastico.
Che peccato…

Annunci

6 Risposte

  1. foolys

    nnnnnnnooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
    giastiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin ç__ç ke hai fattooooooo

    .. nn sono la tua coshenza,

    agosto 27, 2007 alle 1:00 am

  2. foolys

    ehm mi auguro che adesso ti sarai riloggata col tuo nome (la gente adesso penserà che sono pazzo)

    agosto 27, 2007 alle 1:03 am

  3. foolys

    io SONO pazzo, un pazzo maniacodepresso come la madre di devid di beverlihills.
    MWAHAHAHAHAHAHAHAHAHA..HA.

    agosto 27, 2007 alle 11:09 am

  4. anonimo

    Visti live a Milano un anno e mezzo fa.
    Davvero bravi, un groove coinvolgente e ben tirato, lui è un animale da palco ha una voce straordinaria. Proprio un bel concerto.

    agosto 28, 2007 alle 9:38 am

  5. Oruby

    Anche a me piacevano!
    Il loro primo cd è stato uno dei primi che ho comprato originali ;P
    Cmq mi trovo molto in linea con la tua “tecnica”…e incredibilmente hai citato i miei due fumetti preferti

    agosto 30, 2007 alle 10:01 pm

  6. Oruby

    *stupido splinder =_=*

    mi ha tagliato un pezzooh!

    Va beh u_u…ciao ciao

    agosto 30, 2007 alle 10:04 pm

Searching for a Comment...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...